La CIA arriva su Instagram, segreti compresi.

L'account ufficiale ha già raggiunto quasi 30mila followers con un post pieno zeppo di "Easter Eggs" ed un invito a scovarli tutti.

La Central Intelligence Agency arricchisce la sua presenza sui Social Network con l’apertura di un profilo Instagram ufficiale (con tanto di spunta blu) e la foto di una scrivania tutt’altro che banale.

Il primo post pubblicato dall’agenzia americana ritrae infatti quella che, solo apparentemente, sembra una comune postazione di lavoro, ma che invece contiene diversi “easter eggs” piazzati sapientemente.

Il primo indizio ce lo fornisce la didascalia che accompagna la foto:

“I spy with my little eye…”

Che tradotto significa “Spio con il mio occhietto…” un velato invito ad andare più a fondo, osservando i dettagli e gli elementi posti più o meno in evidenza. Possono essere subito identificati alcuni “cliché” come i contrassegni di classificazione, le cartelle secretate, parrucche e soprabiti per lavorare in incognito, una borsa dedicata all’eliminazione di determinati documenti, i timbri e quel “top secret” che da sempre rappresenta la necessità della CIA di agire nell’ombra. Indagando ancora notiamo una foto del distintivo con cui la Direttrice Haspel ha preso servizio nel 1985 e che le lancette dell’orologio sono ferme alle 8:46, l’ora in cui, l’11 settembre, veniva colpita la prima torre gemella del World Trade Center. Le mappe provenienti da Russia, Cina e Iran rappresenterebbero invece alcune operazioni che hanno reso famosa l’agenzia nel mondo. Infine c’è un taccuino aperto che mostra una frase in arabo: “Condividiamo quello che possiamo, proteggiamo ciò che dobbiamo”. Una breve descrizione di quello che dovremmo aspettarci dalle identità digitali dell’agenzia. Una portavoce ha commentato così la decisione:
“Entrare in Instagram è un altro modo per condividere le storie della CIA e reclutare americani di talento. Attraverso l’account, faremo dare una sbirciatina alla vita dell’Agenzia. Ma non possiamo promettere che faremo selfie dai luoghi delle operazioni segrete”.

 

Per il momento questo è tutto, e comunque, noi non via abbiamo detto niente.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Leave a comment

due × 1 =